resta aggiornato
Scopri il Gruppo Evolvere, proprietario del maggior numero di impianti fotovoltaici in
Italia.
Evolvere offre soluzioni e servizi nei settori della generazione distribuita, dell'efficienza energetica e smart home.
Scopri il mondo dell'energia, le novità e le innovazioni tecnologiche dedicate alla casa, alle aziende e alla comunità.
Approfondimenti

Risparmio energetico in cucina

La cucina è l'ambiente più energivoro della casa. Piccoli consigli per ottimizzare i consumi

Frigo, fornelli, forno, lavastoviglie.

In cucina si concentra una gran quantità di elettrodomestici ad alto consumo energetico. Nel periodo natalizio, tra un pranzo e l'altro, c'è il rischio di vedere aumentare non soltanto l'ago della bilancia, ma anche la spesa per le bollette.
Scegliere elettrodomestici ad alta efficienza energetica aiuta a risparmiareCon corrette scelte e buone pratiche, però, si possono ottimizzare le nostre abitudini. Piccoli gesti, che fanno la differenza, e che possono contribuire al nostro obiettivo: trasformare le abitazioni da energivore (consumatrici d'energia) a energifore (produttrici di elettricità).


ELETTRODOMESTICI: OCCHIO ALLA CLASSE ENERGETICA

Il vero risparmio comincia a monte, all'atto dell'acquisto. Privilegiare elettrodomestici ad alta efficienza energetica non è soltanto un gesto di civiltà, ma comporta un sensibile risparmio nel breve e medio termine.

Facciamo un esempio. Un frigorifero in classe A+++ consuma in media il 50% in meno di quello in classe A+, e il 25% in meno di uno in classe A++ . Nella pratica, la quota in bolletta di un frigo di classe A+ da 300 litri è di circa 60 € l'anno. Il costo si dimezza (€ 30) per il frigo di classe A+++.

Se in cucina abbiamo un vecchio elettrodomestico che perde qualche colpo, è il caso dunque di sostituirlo con un altro a maggiore efficienza energetica. Un buon indirizzo per valutare il prossimo acquisto è www.topten.it, un portale indipendente, finanziato dal programma Horizon 2020 dell'Unione Europea, che mostra oltre 1.000 prodotti a basso impatto ambientale.


ELETTRODOMESTICI: È ANCHE QUESTIONE DI UTILIZZO

aprire-frigorifero.jpg

Valutato l'impatto della classe energetica sui consumi, è possibile ottimizzare quest'ultimi con piccoli gesti e buone pratiche.

A cominciare dalla disposizione degli elettrodomestici della cucina in maniera intelligente. Il frigorifero deve essere distante dalle fonti di calore (come il forno), e deve avere sempre un po' distanza dal muro, per consentire un’agevole dispersione del calore (per la stessa regola, i frigoriferi incassati tendono a surriscaldarsi maggiormente, consumando inevitabilmente di più). Restando sul frigorifero, bisogna evitare di introdurre cibi ancora caldi. Questo aumenta il consumo e, se non è no frost, provoca anche la brina.

Ultimo consiglio, agite sulla regolazione del termostato, a seconda delle stagioni e delle abitudini. In caso di prolungata assenza (magari proprio durante le feste natalizie) è il caso di regolare il frigorifero al minimo.
 

FORNELLI A GAS O PIANO COTTURA A INDUZIONE?

Non entriamo in scelte gastronomiche. Ognuno avrà la sua preferenza. Certo è che i più moderni piani cottura a induzione magnetica hanno un'efficienza energetica molto superiore, anche se i consumi di picco sono elevati. Spostare tutti i consumi sull'elettricità, staccandosi dal gas, è un buona idea anche a livello ambientale, perché contribuisce a ridurre le emissioni di CO2. Per chi ha un impianto fotovoltaico, il vantaggio è doppio, poiché usando una quota maggiore dell'energia pulita auto-prodotta si accorciano i tempi di rientro dell'investimento.

RISPARMIARE ENERGIA: 10 BUONE ABITUDINI 

regole-per-risparmiare.jpg

1. Usiamo sempre il coperchio quando cuciniamo, per evitare la dispersione del calore.

2. Utilizziamo pentole delle giuste dimensioni, in modo che la fiamma sia concentrata al di sotto della padella (no quindi pentole piccole in grandi fornelli).

3. Usiamo pentole ad alta conducibilità termica (di rame) e a bassa dispersione termica (di pietra).

4. Quando possibile, usiamo la pentola a pressione. Dimezza i tempi di cottura.

5. Utilizziamo il meno possibile le luci poste sopra i piani cottura: raramente sono a basso consumo.

6. Quando usiamo il forno, evitiamo di aprire a ripetizione lo sportello: comporta un inutile spreco di energia.

7. Spegniamo con un po' di anticipo il forno. La cottura proseguirà con il calore residuo (se non si apre lo sportello).

8. Puliamo regolarmente il forno. Un forno pulito consuma meno energia.

9. Usiamo il grill del forno lo stretto necessario. Questa resistenza brucia da sola 1200 W.

10. Usiamo il programma Eco della lavastoviglie (se presente) e laviamo a mezzo carico soltanto se c'è l'apposita funzione.

Resta aggiornato

Riceverai informazioni e consigli
articoli correlati