rimani aggiornato
Scopri il Gruppo Evolvere, proprietario del maggior numero di impianti fotovoltaici in
Italia.
Evolvere offre soluzioni e servizi nei settori della generazione distribuita, dell'efficienza energetica e smart home.
Approfondimenti

È italiana l'auto solare campione della mobilità sostenibile

Il team dell’Università di Bologna e Onda Solare con Solar 4 percorre 2.700 chilometri e vince l’American Solar Challenge. Utilizzando solo l’energia del sole

La mobilità sostenibile per eccellenza? Ora ha anche un nome, Emilia 4, ed è un’auto solare che a luglio ha percorso ben 2.700 chilometri, utilizzando esclusivamente la luce del sole. Un vero e proprio gioiello di sostenibilità, progettato e costruito dall’Università di Bologna in collaborazione con Onda Solare, associazione che ha come obiettivo principale dimostrare come l’energia del sole possa diventare la più importante fonte di energia per la mobilità urbana ed extraurbana.

Emilia-4-a-maranello.jpg

Emilia 4 è stata presentata per la prima volta al pubblico lo scorso giugno all’interno del museo Ferrari di Maranello.
Il paragone con il Cavallino Rampante è molto alto ma le prestazioni di Emilia 4 sono comunque di tutto rispetto: velocità massima 110 km/h, 200 chilometri di autonomia e consumi pari a quelli di un normale asciugacapelli.

Dati sorprendenti, ottenuti grazie a soluzioni innovative nella progettazione della scocca e della meccanica - dalla forma aerodinamica all’utilizzo di laminati e tubolari in fibra di carbonio e titanio - come del motore. La novità principale infatti è proprio nel sistema di alimentazione: cinque metri quadrati di pannelli solari collegati a batterie al litio di ultima generazione che fanno funzionare due motori elettrici.


SOLAR 4 TRIONFA ALL'AMERICA SOLAR CHALLENGE

Quest'auto solare però è molto più di un prototipo, per due motivi principali.
Le dimensioni: Emilia 4 a differenza della maggior parte degli altri prototipi non ha due, bensì quattro posti come un qualunque veicolo per uso quotidiano.
La prova su strada: dopo alcuni test su pista, Emilia 4 ha affrontato e superato brillantemente la difficile American Solar Challenge.

4-posti-emilia-4.jpg

L’auto solare, sviluppata in Italia nell’arco di due anni, ha affrontato un percorso di 2.700 chilometri dal Nebraska all’Oregon, tra città, strade in pianura e salite in montagna fino a 2.500 metri d’altezza, con tanto di giornate di maltempo, nebbia e temporali a rendere più difficile il percorso. Emilia 4, unica vettura europea a partecipare alla gara che si è svolta dal 14 al 22 luglio, ha affrontato il percorso sfruttando unicamente l’energia prodotta attraverso i propri pannelli fotovoltaici, quindi senza bisogno di ricarica esterna, e procedendo autonomamente, quindi senza necessità di essere caricata su un carrello come accaduto per altre vetture.

I risultati ottenuti dall’auto, per chilometri percorsi autonomamente, tempo di percorrenza, capacità delle batterie e numero di persone a bordo, hanno permesso al team italiano di vincere la competizione.
Oltre al primo premio assoluto, le sono stati assegnati premi speciali per la miglior meccanica e per il miglior progetto della batteria


DA SOLAR 1 A SOLAR 4: UN PERCORSO LUNGO OLTRE 10 ANNI

Il successo di Emilia 4 arriva dopo un percorso di oltre dieci anni e altri tre prototipi, sviluppati dal team di Onda Solare a partire dal 2005.
Il primo, Emilia 1, era una sorta di bicicletta solare che combinava energia del sole e forza delle gambe del team di ciclisti. Poi due anni dopo ha debuttato una seconda vettura, interamente fotovoltaica, sempre a tre ruote e monoposto. Le stesse caratteristiche, seppur migliorate, appartengono anche al terzo prototipo, ribattezzato Emilia 3.

Emilia 4 cambia completamente le carte in tavola: dopo dieci anni di lavoro e ricerche l’auto solare made in Italy smette di essere un esperimento e diventa un veicolo con la possibilità di approdare su strada, in un utilizzo quotidiano e famigliare.

Un’auto a zero emissioni e che fa rifornimento direttamente dal sole.
Stiamo sognando?

Rimani aggiornato

Riceverai informazioni e consigli
Condividi